Il latte preferito dalle mamme

Anna D'Addio

Ostetrica

Sono un?ostetrica, laureata nel 2004 alla scuola di Ostetricia di Caserta con tesi sulla distocia di spalla. Ho partecipato al corso di acquaticit? in gravidanza e insegno ginnastica e rilassamento in acqua. Ho lavorato in sala parto presso varie struttura sanitarie a Napoli e Caserta. Sono lieta di rispondere a domande legate al parto, al delicato periodo del dopo-parto e all’allattamento.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

viviana

  • parto e travaglio

Salve,
ho un dubbio che mi ? rimasto al momento del parto di mio figlio. Vorrei sapere cosa pu? accadere al neonato al momento del parto se rimane per circa mezz’ora nel canale del parto, pi? precisamente che si vedono appena i capelli del neonato.La ringrazio anticipatamente.

maura

  • parto e travaglio

Buonasera,
Ho partorito naturalmente il 24 Gennaio 2017 ho un lieve prolasso uterino e allatto. Desidero sapere se ? normale che ad oggi ho ancora le perdite post parto..a due settimane dal parto ho avuto anche una infezione all’endometrio curata con antibiotici in ospedale…grazie.

lorena

  • parto e travaglio

Buongiorno alla vs cortese attenzione
Sono Lorena incinta di 7 mesi
Mi permetto di scrivere per avere un consiglio piuttosto che una linea guida concernente il parto

Ho una storia clinica alquanto piena
Tre anni fa sono stata operata per un melanoma dal quale sono poi scaturiti due successivi interventi per asportazione dei linfonodi ascellari

Ho avuto dopo qualche mese una tromboflebite ad un braccio il quale tuttora presenta sempre edemi e gonfiori
La mia forza nella braccia ? assolutamente cambiata e poco incisiva

Inoltre sono un soggetto molto sensibile: nonostante tutto a volte svengo per un prelievo e mi abbandono facilmente quando qualcosa sono consapevole che induca dolore

A tal proposito volevo chiedere se mi consigliate ugualmente un parto spontaneo o sia meglio ricorrere ad un taglio cesareo

Grazie
Distinti saluti
Lorena

giorgia

  • parto e travaglio

buon giorno dottoressa, durante il parto naturale l ostetrica attraverso una manovra nmanuale disse che mi aveva accorciato il collo dell utero per favorire il parto, che significa? possono esserci problemi per future gravidanze?grazie

federica

  • parto e travaglio

Gentile Dottoressa, ho partorito naturalmente, a termine, senza analgesia epidurale e mi ? rimasto un dubbio: a cosa pu? essere dovuto il fatto di non sentire il premito nella fase espulsiva? Mi avevano detto che avrei sentito un impellente bisogno di spingere, e invece non ? successo. L’ostetrica inizialmente mi diceva di aspettare il premito per iniziare a spingere, ma siccome non arrivava,ad un certo punto mi ha detto di spingere lo stesso perch? era ora. Io sentivo solo un fortissimo dolore al pavimento pelvico, che mi hanno detto essere dovuto alla pressione della testa del bambino, e questo dolore aumentava sempre di pi? ad ogni spinta; siccome spingevo senza sentirne il bisogno, e pi? spingevo pi? sentivo dolore, mi rendevo conto di non riuscire a usare tutte le mie forze, come se istintivamente mi tenessi un po’ indietro… forse per questo le mie spinte non erano molto efficaci, e la fase espulsiva ? stata lunga e difficile. Mi hanno detto che il premito ? dovuto alla pressione della testa sui nervi del plesso rettale. il fatto di non sentirlo quindi pu? essere dovuto a una questione anatomica? Ed ? probabile che succeda cos? anche in un eventuale prossimo parto?
Grazie anticipatamente per l’attenzione!