Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialit? e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

marta

  • capricci

Buonasera, vorrei un suo parere… ho un bimbo di 5 mesi molto tranquillo,giocoso e sorridente che durante il giorno si addormenta sereno per fare i suoi pisolini. Invece verso sera quando ha sonno spesso piange molto, io cerco di calmarlo prendendolo in braccio e coccolandolo.. potrebbe essere accumulo di stress? grazie

antonella

  • capricci

Salve dottoressa, il mio nome é Angela. Le scrivo per mio figlio di 4 anni il quale assume un atteggiamento capriccioso e spesso risulta essere molto testardo, tanto che la maestra mi ha chiesto una visita neuropsichiatrica infantile. la dottoressa mi ha riferito che il bimbo presenta una disarmonia evolutiva. la mia pediatra dice di non preocuparmi cosa faccio?

laura

  • capricci

Buon Giorno Dottoressa, ho una bambina di 5 mesi. E successo che mi sono ammalata e per comodita ho tenuto la bambina a dormire vicino a me nei giorni in cui avevo la febbre. Non so se le cose possono essere correlate, ma da quel momento la bimba vuole solo dormire vicino a me e anche quando prende sonno in braccio nel momento in cui la metto nel suo lettino si sveglia.Cosa posso fare per farla dormire nel suo lettino? Grazie , Cordiali saluti.

michela

  • capricci

Salve dottoressa ho una bambina di un anno. é sempre stata una bambina molto tranquilla ma ultimamente ha iniziato a fare diversi capricci. urla nervosamente se non riesce a fare quello che vuole. Voglio trovare il modo giusto per fronteggiare queste prime affermazioni della sua personalità  senza rischiare eccessiva rigidità  o al contrarrio un comportamento permissimo che peggiori la situazione. come mi devo comportare? al capriccio di una bambina cosଠpiccola come si risponde?

francesca

  • capricci

Buongiorno dottoressa sono mamma di un bimbo di 4 mesi lorenzo,é molto vivace,curioso.nella sdraietta ci sta solo con uno di noi davanti a farlo giocare ,nel passeggino 5 10 minuti… i giochi ancora non iesce ad afferrarli bene e quando cadono si arrabbia e piagnucola tutto il giorno,per fortuna ha sempre dormito ma ha bisogno di giorno della presenza costante di uno di noi come posso fare lo ascio un po piangere?non possiamo nemmeno uscire o andare da parenti se non sta in braccio piange grazie

claudia

  • capricci

buongiorno, ho un bimbo di 3anni e 7mesi. nonostante abbia provato da quando aveva2anni, lui non riordina nulla. prende un gioco, ma dopo qualche minuto decide di prenderne un altro e cosଠvia, finché la stanza é tutta disordinata. mi può consigliare qualche metodo per insegnargli a riordinare? noi abbiamo provato con la tecnica del "facciamolo insieme" , con la tecnica "ti butto ogni gioco che trovo in giro", con il castigo… sembra che niente funzioni… grazie.

caterina

  • capricci

Salve, sono veramente indecisa… ..sul come comportarmi col mio bambino di due anni… ha da poco iniziato ad andare alla scuola materna… ma mentre i primi due giorni sono stati perfetti, adesso non vuole proprio saperne.come comportarci?é troppo piccolo o dobbiamo insistere?e poi… sin da piccolo per avere sicurezza mi accarezzava il collo mentre adesso pretende di farlo, e lo fa anche facendomi male, come faccio a spiegargli che non si fa? é bene sgridarlo, spiegarli?punirlo?non sappiamo come fare!grazie

martina

  • capricci

Buongiorno, mi scuso per il disturbo, ma ho urgente bisogno di un consiglio da una persona "esperta". Mi chiamo MArtina, ho 21 anni e sto studiando per diventare operatrice per l‘assistenza ai bambini. Nel frattempo, da circa un anno, sto lavorando come baby sitter di un bambino di 6 anni, Carlo. Carlo viene da una famiglia borghese, economicamente molto benestante. Il problema é che il bambino é ingestibile sotto diversi punti di vista. Il primo riguarda il cibo. Quando ho incontrato la prima volta la mamma di Carlo, mi aveva messa al corrente di quello che mangiava il bambino: fussilli al pesto, spaghetti al pomodoro, hamburger, prosciutto cotto, pollo. Fine. Carlo non voleva saperne di mangiare altro e lei si giustificava con un semplice "cosa devo fare? se piange.." Ora, a distanza di un anno le cose stanno peggiorando notevolmente. Non mangia pi๠la pasta, in nessun modo. Provo a convincerlo a mangiarla, ma lui piange e si mette sotto il tavolo in preda a singhiozzi disperati (e non sto esagerando). Non mangia pi๠nemmeno gli hamburger, perché una volta era ammalato e la sua mamma mi ha detto che ha vomitato dopo averne mangiato uno. Se provo a cucinargli qualcosa di nuovo batte i piedi e torna ancora sotto al tavolo piangendo. Inutile dire che la mamma gli prepara sempre e solo quello che vuole lui. Ma cosଠnon mangia nulla! nella mensa scolastica ovviamente non mangia mai nulla e gli insegnanti hanno chiamato diverse volte la mamma per farle notare che Carlo piange alla minima osservazione e non accenna a mangiare..so che il suo non é un problema di gusti, perché ad esempio la pasta l‘aveva sempre mangiata fino a poco tempo fa, ma di capricci. Preferisce mangiare il pollo, quindi si impunta a mangiare solo quello. Vorrei avere un polso un po‘ pi๠fermo, ma purtroppo non sono io la mamma. Ho provato a parlarne con lei, ma mi ha detto che é solo un bambino e che quindi va assecondato, che noi non possiamo farci niente. Un altro problema riguarda i compiti. Non c‘é verso di farglieli fare senza prima un‘ora di pianto ininterrotto. Sempre il solito tavolo, sempre le solite lacrime. E poi ci mette 2 minuti per finirli tutti. Uguale se la mamma non arriva a casa con il regalino, la sera. Vive male la competizione perché é sempre stato abituato a vincere, dai suoi genitori. Il venerdà¬, dopo la lezione di ginnastica, torna a casa piangendo se non ha vinto la partita di calcio a scuola. Ma il problema pi๠grave resta il cibo. Non so pi๠come fare, sento un senso di responsabilità  nei confronti di questo bambino, ma so di non essere la mamma e di non avere potere decisionale. Cosa devo fare? Secondo lei é giusto che i genitori lo educhino in questo modo? Ah, mi sono dimenticata di dirle che il bambino viene ancora imboccato. Non mangia da solo, pur essendone capace. QUando deve mangiare si mette sul divano e la mamma o il papà  lo imboccano. Ovviamente mi é stato detto di farlo, anche io. Lui sta là¬, sul divano. QUando vuole qualcosa dice il nome di quella cosa, e se non arriva entro 30 secondi aggiunge un "ti muovi?". Pi๠volte l‘ho ripreso, ricordandogli che esistono i vari "per favore" e "grazie", ma lui mi ha risposto quasi sempre "il mio papà  mi ha detto che quando ci sei tu il capo sono io!". Inoltre da qualche mese ha smesso di dormire nel suo lettino, cosà¬, senza apparente motivo. Si é trasferito nel lettone dei genitori e non vuole piu๠tornare nella sua cameretta. Ha 7 anni! Mi dia qualche consiglio, per favore. La ringrazio per l‘attenzione. Cordiali saluti.

sonia

  • capricci

salve dottoressa ho un problema e nn so come comportarmi. ho una bimba di 15mesi ma é stata sempre una piagnucolona. ogni vlta ke andiamo dalla pediatra nn si riesce a controllare inizia a piangere disperatamente appena la si sdraia sul lettino.la paura dell estraneo la prese a 4mesi, ha avuto sempre paura quando la prendevano in braccio altre persone piangeva disperatamente.adesso ke ha iniziato a camminare é intrattabile,la devo far fare tutto quello ke vuole altrimenti inizia a piangere forte e nn la smette fin quando nn l accontento… .come devo comportarmi?la ringrazio

anna

  • capricci

Salve dott.ssa, sono mamma di un piccolo di 8 mesi che da un paio di giorni é intrattabile.Provo a farlo giocare con le sue cose ma sta 5 minuti e inizia a urlare fin quando non lo prendo in braccio.Una volta in braccio dopo un pò inizia a urlare perché vuole andare sul suo tappeto e cosଠvia per l‘intera giornata.Inoltre la sera si addormenta e dorme nella sua culla ma dopo un paio d‘ore si lamenta fin quando non lo prendiamo per dormire con noi.Io e mio marito siamo sempre stati contrari a farlo dormire con noi, cosଠproviamo a farlo riaddormentare e lo rimettiamo nella sua culla.Lo facciamo anche per tutta la notte ma talvolta siamo cosଠstanchi che ci addormentiamo prima del piccolo e lui dorme tra noi. Può essere che é tutta colpa del fatto che da circa un mese ho iniziato di nuovo a lavorare? Mi può consigliare cosa fare? Grazie mille