Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialit? e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

lost

Salve dottoressa Paolinelli, le scrivo perch? ritengo di essere giunta al limite. Sto con un ragazzo da circa 4 anni durante i quali ci siamo lasciati 1 volta sola perch? io ero diventata troppo gelosa e lui si sentiva “soffocato”. La rottura non ? durata neanche una settimana che subito abbiamo riprovato. Nonostante lui non mi abbia mai fATTo credere di tradirmi o che gli piaccia un’altra ho sempre questo atroce dubbio. Ogni ragazza che conosce o che gli chiede magari un’indicazione per la strada mi fa imbestialire, la percepisco come una rivale, non so se mi spiego. Lui per? nonostante sappia che la mia gelosia durer? il tempo di una sfuriata, ? stanco, giustamente di sentirsi dire (nei momenti in cui dimostro la mia gelosia) da me che lui non tiene a me e che pu? andare dalla prima che gli capita se vuole. Ha ragione, ma il fatto ? che ogni volta che qualche amica (anche le mie amiche a volta!) lo abbraccia o gli fa qualche battutina sagace vado su tutte le furie, ma non finisce qui: penso sempre (e per questo mi arrabbio!) che lui poi ci stia a queste battutine, e che trova le altre ragazze pi? divertenti di me. Lui mi conosce e sa tutto questo, ma io lo vedo e sento che anche lui ? arrivato al limite nonostante mi ami. Sto lavorando su questo punto, ormai ? molto che non lo accuso di niente ma io non riesco proprio a frenarmi, qualche occhiataccia o qualche frecciatina non riesco a fare a meno di lanciargliele e lui sente la tensione. Cosa posso fare x “Curarmi”?! Distinti Saluti. Lost

L’ESPERTO RISPONDE…

Cara, ? importante che lei capisca il motivo per cui non si fida del suo ragazzo e quali sono i pensieri che le scattano quando lui abbraccia una sua amica o fa delle battutine sagaci. La mia idea ? che lei non ha una buona autostima e parte dal pensiero che le altre possano apparire agli occhi del suo ragazzo migliori di lei. Provi a pensare che se il suo ragazzo sta con lei ? perch? ? lei che trova speciale e nessun? altra. Se non riesce da sola a modificare i suoi pensieri, pu? intraprendere una psicoterapia breve focalizzata su questo problema , proprio come lo ha raccontato a me. Cari saluti, scriva quando desidera, ci sono!

Invia una domanda