Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facolt? di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attivit? di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sar? lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilit?, infertilit? e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

marco giglioli

Salve dottore la contanto perche o grossi problemi sessuali con la mia ragazza… le racconto… . io e la mia ragazza stiamo insieme da 5 anni i prilami rapporti sessuali li abbiamo avuti circa 4 anni fa..lei era vergine… il problema e che lei a sempre poca voglia di fare sesso… 2 volte al mese sono tante e a volte capita che appena iniziamo il rapporto dobbiamo smettere perche a lei le fa male la vagine anche se sento che e lubrificata… poi lei lo vuole fare sempre con la luce spenta sempre e solo io sotto e lei sopra o il contrario… non abbiamo mai avuto rapporti orali perche a lei viene il vomito… la domanda e perche fa cosi? E normale tutto questo? Sara perche lavora troppo o sono io che non riesco a farla eccitare?

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissimo

Anche se la vita sessuale non sembra presentare formalmente alcun problema, in realtà può dimostrarsi insoddisfacente per la donna. Ciò può essere dovuto a molti motivi, innanzitutto ad una sorta di inibizione della libera espressione dei desideri e delle emozioni. Oltre a ciò, è abbastanza frequente che la donna consideri primario l‘appagamento maschile rispetto a quello femminile, e che quindi tenda a mettere in secondo piano le proprie esigenze. Infine, per la paura di essere abbandonate, criticate o svalutate, è possibile accettare rapporti sessuali o particolari pratiche sessuali senza che se ne provi reale desiderio. Ciò crea frustrazione, rabbia, autobiasimo ed una sessualità insoddisfacente. La difficoltà ad abbandonarsi, il senso di colpa, di inadeguatezza per il proprio corpo, il proibirsi pratiche sessuali che invece sarebbero vissute come piacevoli, porta ad una vita sessuale solo superficialmente adeguata e gratificante. Problemi di questo tipo sono piuttosto frequenti e spesso la donna non è neppure pienamente consapevole della incompletezza e della mancanza di totale libertà nella propria dimensione sessuale. Per prima cosa la comunicazione nell‘ambito della coppia è fondamentale e se la cosa non dovesse migliorare un colloqui con uno psicoterapeuta potrebbe essere utile sempre che si sia d‘accordo nel cominciare questa strada.

La saluto cordialmente


Invia una domanda