Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facolt? di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attivit? di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sar? lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilit?, infertilit? e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

benedetta

Salve dott. sono una donna di 37 anni che il 25 agosto ha dovuto effettuare aborto terapeutico pi๠due raschiamento alla 20 sett. X oloprosencefalia del mio bambino… .vorrei farle mille domande comunque abbiamo già  eseguito. Cariotipo mio e di mio marito risultati nella norma, mercoledଠavremo consultò con genetista e a breve dovrò fare isteroscopia x controllo dell‘intero. Le mie domande sono: 1. Cosa Sa della patologia che ci ha causato la nostra disgrazia??? 2. Se un domani volessimo un altro bimbo ( ne ho uno già  di 19 mesi) quanto consiglia di aspettare? Spero voglia al pi๠presto darci qualche notizia x stare un po‘ meglio… . Una mamma addolorata… …

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima

L’oloprosencefalia è una malformazione congenita che si manifesta nelle primissime settimane della vita intrauterina. Si tratta di una malformazione in cui il cervello del feto non cresce anteriormente e non si divide come dovrebbe durante la gravidanza La causa è attualmente ignota. Spesso non si riescono a identificare cause specifiche. Fattori di rischio sono il diabete materno, infezioni in gravidanza (sifilide, toxoplasmosi, rubella, herpes, citomegalovirus), l’assunzione di varie droghe durante la gravidanza (alcool, aspirina, litio, torazina, anticonvulsivanti, ormoni, acido retinoico).

Dopo che ha fatto la consulenza genetica e l‘isteroscopia può tentare una nuova gravidanza. Non ci sono parole per lenire il suo dolore e l‘unico consiglio che mi permetto di suggerirle è quello di metabolizzare il suo lutto. La perdita di un figlio è veramente incolmabile ma la vita spesso ci mette davanti a prove cosi difficili che ci chiediamo il perchè. Si faccia forza e sono a sua disposizione per ogni chiarimento.

La saluto con cordialità e con tutto l‘affetto.

Invia una domanda