Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialit? e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

teresa

gentile dottoressa, sono una ragazza di 24 anni e mamma di 2 bimbi una di 19mesi e uno di 7mesi. da tempo ho "nostalgia" del mio passato, quando non ero sposata e non avevo figli; uscivo mi divertivo… insomma vivevo come una normale ragazza. dopo la prima gravidanza ho avuto una forte depressione e quando ho saputo di essere di nuovo incinta dopo soli3mesi dal parto, le dico con sincerità  che non ero affatto contenta, ma ho comunque portato aavanti la gravidanza. non ho mai desiderato una famiglia, volevo rimanere sola e comunque aspettare ad avere figli. poi sono venuti da soli e per accetta questa situazione non é stato semplice. per la paura di rimanere di nuovo incinta, per un periodo allontanavo mio marito! sarà  la giovane età , ma adesso che ho accettato(quasi) la mia vita, qualche volta mi viene una nostalgia seguita da una forte tristezza pensando al mio paese e acosa avrei fatto se la mia strada fosse stata diversa. ho paura che questo possa compromettere il rapporto con mio marito alla lunga. forse non mi sento soddisfatta.. insomma vorrei tornare indietro.. cambiare tutto e vivere come una ragazza. la ringrazio per avermi ascoltata

L’ESPERTO RISPONDE…

Cara Teresa, grazie per avere scelto di condividere con me la sua vita. A guardarla dall’esterno la sua vita è bella: lei è giovane, ha un marito e due bimbi.

I bimbi aiutano i genitori a crescere e ad intraprendere un percorso di crescita interiore che li porta a diventare persone migliori in tutti i sensi.

Questa è una opportunità che la vita le sta dando, di crescere e di cercare il buono di quello che ora c’è intorno a lei. Può trovare soddisfazioni personali anche se ha due bimbi e imparare a gioire della relazione con suo marito, pur ritagliandosi dei momenti per se (un corso di studi, un corso di lingue straniere, una passeggiata, ecc…).

La “nostalgia” riguarda la sua paura di crescere e di prendersi responsabilità, ma sono sicura che lei è capace di affrontare il suo presente.

Un forte in bocca al lupo… mi scriva quando desidera!

 

Invia una domanda