Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialit? e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

francesca

Gentile dottoressa, ho due figli di 5 e 2 anni. Il problema é la piccola che ha un carattere molto prepotente: le vuole sempre vinte e si dispera urlando da spavento quando non ottiene ciò che vuole. Parla molto bene e agisce come una adulta in miniatura. MA quando si mette in testa qualcosa diventa una pazza finché non raggiunge il suo obiettivo. Io non ce la faccio pi๠anche perché succede che a volte anche i nonni mi sono contro dicendomi che non riesco a farla calmare quando fa i capricci. io la lascio piangere perché non mi va che le debba avere vinte tutte. E‘ facile per loro calmarla visto che la accontentano quando piange. Vorrei sapere dove sbaglio. Mi vengono tanti dubbi. Approfitto per chiederLe un consiglio per l‘altro mio bimbo che ha paura di dormire solo nel lettino, la notte. Il lettino é accanto al mio, nella mia stanza, lui ci dormiva tranquillamente fino ad un mese fa. Ora dice di aver paura dei mostri e, ogni sera, lo prende una sorta di angoscia. All‘ora di nanna si intristisce e comincia a chiedermi se può dormire nel mio letto, diventa muto e smette di giocare. Mi ha spiegato che , da quando ha sentito che c‘é il diavoletto, lui ha paura di dormire solo. Io lo accontento perché mi fa davvero pena. Solo quando si addormenta sul divano, lo metto nel suo lettino ma la notte si sveglia e, tutto sudato, elemosina piangendo il mio letto. Io mi alzo presto la mattina per andare al lavoro e perdo troppe notti per questa ragione. Cosa faccio? E‘ giusto assecondarlo?. E‘ un bimbo molto intelligente, buono e dolce e quando gli spiego le cose le capisce. Ma su questo non sto riuscendo a convincerlo. Grazie dell‘attenzione. Fra.

L’ESPERTO RISPONDE…

Cara Francesca, per rispondere alla sua prima domanda, il punto è che quando la piccola fa i capricci e lei la ignora, i capricci è ovvio che continuano, perché la bimba ha bisogno di essere contenuta. Significa cioè che quando inizia a fare i capricci perché non ottiene quello che chiede, sarebbe utile che lei la tenesse con le mani in modo deciso sulle braccia (sotto le spalle), senza stringere e la guardasse in viso, dicendole: “Ti rendi conto cosa stai facendo? … come ti stai comportando?”. E continuare così fino a che la bimba si  calma, mostrando empatia per la tristezza che in quel momento la bimba prova, ma “frustrandola” non facendole ottenere quello per cui si dispera.

Per quanto riguarda il piccolo, attraverso la paura del diavoletto il bimbo sta esprimendo paura per qualcosa, ma non sappiamo di che si tratta. Potrebbe essere utile far dire al piccolo cosa teme possa capitare se c’è il diavoletto, e cosa gli potrebbe fare il diavoletto. In questo modo può riuscire a capire la vera paura che i piccolo sta proiettando sul diavoletto. Dopo di che sarà utile usare una strategia suggestiva, come la lucetta accesa in stanza, oppure un orsetto magico con cui dormire e che lo proteggerà dai diavoletti.

Spero di essere stata esaustiva, mi scriva ancora se ha dubbi.

Tanti auguri!

Invia una domanda