Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialit? e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

cristiana

Gentile dottoressa, ho una bambina di 30 mesi, a settembre dovrà  frequentare la scuola dell‘infanzia e dovrà  quindi togliere il panno entro l‘estate. ho acquistato un vasino molto carino e un riduttore per il wc per consentire alla bambina di familiarizzare con questi oggetti con l‘intento di togliere il panno tra circa un mese con l‘arrivo del caldo… in questi giorni ho proposto alla bimba di sedersi nel vasino e per ben due volte ha fatto la pipଠcon tanto di complimenti da parte mia e del papà  ma improvvisamente alla richiesta di sedersi per fare la pipଠha avuto una reazione che mi ha allarmato… un totale rifiuto con pianto disperato e richiesta del panno. la prima volta non ci ho dato peso ma sinceramente ho bisogno di un suo parere e su un consiglio per procedere nel modo pi๠giusto. Grazie Cristina

L’ESPERTO RISPONDE…

Cara Cristina, lei e suo marito avete fatto bene a togliere il panno alla bambina e non mi pare abbiate fatto passi sbagliati. La bimba si è spaventata rispetto al fatto che la sua pipì una volta uscita da suo corpo, ne è stata allontanata, buttata via e questo genera un senso di angoscia profondo nei bimbi. È importante aiutare la bimba a lasciare andare la pipì dicendole di salutarla e di lasciarla andare a giocare lontano da lei. Lo stesso farete per le feci.

Cari saluti!

 

Invia una domanda