Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialit? e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

chiara

Buongiorno dottoressa, ho un bambino di 7 anni e mezzo, molto vivace e socievole. Frequenta il ricreatorio comunale e qui ? successa una cosa molto spiacevole. Mi ? stato riferito dall?educatore che ? stato trovato a frugare in uno zaino non suo in una zona non permessa ai bambini, e una volta colto in flagrante ha ammesso che stava cercando di prendere un gioco che sapeva trovarsi all?interno. Quando io gli ho chiesto perch? mai lo avesse fatto, mi ha detto che ? stato spinto a farlo da un altro bambino nonch? compagno di classe, il quale aveva paura di andare lui a rovistare, e che poi ha chiesto a mio figlio ?sei riuscito a rubarlo?? L?educatore non conosce questo fatto, anche se poco importa, e ci ha ripetuto alcune volte ?tentativo di furto?.
Sebbene mio figlio sapesse che quello che stava facendo era sbagliatissimo, cosa si pu? fare con un bambino che a quanto pare ? fortemente influenzabile? Mi sento spaventata.
La ringrazio molto

L’ESPERTO RISPONDE…

Cara Chiara, intanto mi pare di percepirla un tantino allarmata per quello che ha fatto il suo bambino. Allora, la voglio intanto rassicurare: ? vero che i bambini vanno educati a principi e a valori ben precisi, ma non perdiamo di vista il fatto che stiamo parlando di un BAMBINO, e per di pi? di un bambino piccolo e vivace e quindi non occorre allarmarsi o preoccuparsi troppo rispetto a certi comportamenti. Certamente ? giusto chiedersi il perch? di certi comportamenti e trovare delle soluzioni e delle chiavi di lettura. Per iniziare, i passi che dovrete fare sono i seguenti: 1) l' educatore deve sapere che voi siete consapevoli che vostro figlio ha avuto un comportamento sopra le righe, poi comunicategli che vi dispiace, e che parlerete col bimbo e lo porterete a capire cosa ha fatto, se servisse anche attraverso una punizione. 2) parlate con vostro figlio e fatevi dire NON di chi ? la colpa, ma di raccontarvi l' episodio (voi dovete riuscire a vederlo come un film mentre il bimbo vi racconta, quindi aiutatelo un po'), chi c'era con lui, dove era quando ? successo e soprattutto chiedetegli:"cosa hai pensato mentre frugavi? Come ti sei sentito mentre lo facevi? Come ti sei sentito dopo?". Chiedetegli anche se ha capito che non lo deve rifare e il perch? non deve. 3) ditegli che gli volete bene e che avete fiducia in lui e che siete sicuri che la prossima volta si comporter? bene. Sul perch? il bimbo ha frugato in uno zaino, in questo contesto personalmente posso fare solo delle ipotesi generali, perch? non conosco voi genitori, la vostra storia di genitori e di figli, n? conosco vostro figlio. In generale, il bambino potrebbe avere bisogno di trasgredire perch? vi percepisce come persone un po' rigide. Oppure ? alla ricerca delle vostre attenzioni, anche se possono essere negative. In entrambi i casi, pu? essere insegnato al bimbo il senso del limite, senza bacchettarlo, ma in modo sereno e positivo. Del resto, a 7 anni e mezzo, un individuo sta imparando come si vive e ci sta che non abbia ancora "preso le misure giuste" su cosa va bene e cosa ? sbagliato. Se, come genitori vi sentite in difficolt? e desiderate confrontarvi con uno psicologo psicoterapeuta, non esitate a farlo. Vi servir? per crescere come genitori e per aiutare con pi? consapevolezza il vostro piccolo a crescere e a diventare una persona adulta. Spero di esservi stata di aiuto, in ogni caso scrivete se e quando desiderate. Tanti auguri!

Invia una domanda