Il latte preferito dalle mamme

Anna D'Addio

Ostetrica

Sono un?ostetrica, laureata nel 2004 alla scuola di Ostetricia di Caserta con tesi sulla distocia di spalla. Ho partecipato al corso di acquaticit? in gravidanza e insegno ginnastica e rilassamento in acqua. Ho lavorato in sala parto presso varie struttura sanitarie a Napoli e Caserta. Sono lieta di rispondere a domande legate al parto, al delicato periodo del dopo-parto e all’allattamento.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

lorena

Buongiorno alla vs cortese attenzione
Sono Lorena incinta di 7 mesi
Mi permetto di scrivere per avere un consiglio piuttosto che una linea guida concernente il parto

Ho una storia clinica alquanto piena
Tre anni fa sono stata operata per un melanoma dal quale sono poi scaturiti due successivi interventi per asportazione dei linfonodi ascellari

Ho avuto dopo qualche mese una tromboflebite ad un braccio il quale tuttora presenta sempre edemi e gonfiori
La mia forza nella braccia ? assolutamente cambiata e poco incisiva

Inoltre sono un soggetto molto sensibile: nonostante tutto a volte svengo per un prelievo e mi abbandono facilmente quando qualcosa sono consapevole che induca dolore

A tal proposito volevo chiedere se mi consigliate ugualmente un parto spontaneo o sia meglio ricorrere ad un taglio cesareo

Grazie
Distinti saluti
Lorena

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima non ci sono controindicazioni per un parto spontaneo. Ovviamente sar? il suo ginecologo a stabilire a fine gravidanza se per il suo caso ? meglio affrontare un travaglio o un intervento chirurgico. la saluto cordialmente

Invia una domanda