Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialit? e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

fra

Buonasera il mio bimbo di 2 anni dice pochissime parole mamma pap? nonna/o zio… Quando vuole qualcosa la indica emettendo una specie di urlo o mughigno… Come dobbiamo comportarci?

L’ESPERTO RISPONDE…

Cara Fra, il suo bimbo dice abbastanza paroline, anche se attenendosi alle tabelle di riferimento, le sembrer? che sono poche. Il mio suggerimento ? di non allarmarsi, ma di osservare due elementi importantissimi, che vengono prima della produzione del linguaggio in termini cronologici e di importanza: 1) se il bimbo sente bene (si gira verso il campanello che suona?), 2) se risponde agli stimoli che gli date (vi porta un oggetto se glielo chiedete?). Superati positivamente questi primi due tests (udito e decodificazione del linguaggio parlato) vi consiglio di aspettare ancora qualche mese perch? il linguaggio pu? esplodere da un momento all?altro, non ? detto che ci debba essere gradualit? nella produzione delle paroline. Inoltre, sembra una frase fatta, ma ogni bimbo ha i suoi tempi e questa non ? una banalit?, ma una sacrosanta verit?. Se vedete che a gennaio- febbraio, le paroline non aumentano, potete rivolgervi ad una logopedista. Se per? il bambino sente e risponde agli stimoli verbali, aspettate fiduciosi prima di effettuare qualche visita, che ? per ogni bambino un momento altamente stressante. Inoltre, si rischia di vedere del patologico e di rimandare erroneamente al bambino che ? ?difettoso? davanti ad un processo cos? difficile come la produzione del linguaggio, soprattutto perch?, come detto, non ci sono regole fisse, ma ogni bambino ha i suoi tempi. Tanti auguri!

Invia una domanda